Revenir aux brèves

Actions directes

Afrique

Allemagne

Amérique du Sud

Antifascisme

Asie

Australie

Belgique

Canada

Ecoles

Espagne

Etats-Unis

Europe

Faux-amis

Grèce

Italie

Keufs, juges, contrôleurs, militaires, journalistes...

Libération animale

Monde

Moyen/Proche-Orient

Notes critiques

Nuisances et Technologies

Parutions

Pays-Bas

Prisons & Centres de rétention

Publicité

Repression et Propagande policiere

Réacs de tous poils

Russie/Ukraine/Biélorussie

Solidarité(s)

Squats

Suisse

Turquie

Revenir à Cette Semaine

Rome : attaque incendiaire contre un local fasciste
(Le 5 septembre 2008)

Rome : incendie criminel du local fasciste "Circolo Futurista ’Casal Bertonè"

Roma - Incendiato circolo fascista

Roma, 5 set. - (Adnkronos) - Nella notte tra il 4 e il 5 settembre la sede del Circolo Futurista ’Casal Bertonè a Roma, in via degli Orti di Malabarba, è stata incendiata riportando ingenti danni soprattutto all’esterno. Lo riferisce un comunicato di Casapound, che spiega che le fiamme sprigionandosi hanno raggiunto il primo piano della palazzina dove vivono molte famiglie romane. La serranda e la facciata sono stati seriamente danneggiate e solo il dispositivo antincendio non avrebbe permesso alle fiamme di devastare tutto il locale. Come si spiega nella nota, sulla serranda è comparsa anche una scritta contro il responsabile del circolo Mauro Antonini. « Ecco i frutti avvelenati dell’odio di Russo Spena e dei suoi compagni - afferma Gianluca Iannone, presidente di Casa Pound Italia - Dopo la conclusione fallimentare del loro periodo di governo, dopo aver deluso le aspettative di lavoratori, precari, giovani, studenti ed anziani, dopo aver ricevuto una sonora bocciatura dal popolo, si aggrappano disperatamente al vecchio caposaldo dell’antifascismo, ricollegando strumentalmente fatti di sangue che con la politica centrano poco e nulla, all’attività di tutte quelle centinaia di ragazzi che, privi di un feroce indottrinamento e scevri da clientelari condizionamenti politici, si impegnano ogni giorno e senza alcuna contropartita ». Secondo Iannone « sono indefinibili le parole della madre di Renato Biagetti, la quale si permette di collegare fatti di strada con l’esperienza delle occupazioni non conformi e di quelle a scopo abitativo, colpevoli sono le parole di tutti coloro che soffiano sul fuoco dell’antifascismo ; loro sono i mandanti morali di questo attacco che avrebbe potuto costare la vita a ragazzi e privati cittadini residenti nello stabile, dato che le fiamme sono arrivate al primo piano del palazzo ». Conclude Mauro Antonini, responsabile del circolo il quale si augura che « la stessa solidarietà mostrata nei confronti del giovane aggredito pochi giorni fa a San Paolo, venga ora espressa dal sindaco nei nostri confronti e nei confronti di tutti gli abitanti che hanno vissuto una notte di terrore ».

Suivant
Imprimer l'article