Revenir aux brèves

Actions directes

Afrique

Allemagne

Amérique du Sud

Antifascisme

Asie

Australie

Belgique

Canada

Ecoles

Espagne

Etats-Unis

Europe

Faux-amis

Grèce

Italie

Keufs, juges, contrôleurs, militaires, journalistes...

Libération animale

Monde

Moyen/Proche-Orient

Notes critiques

Nuisances et Technologies

Parutions

Pays-Bas

Prisons & Centres de rétention

Publicité

Repression et Propagande policiere

Réacs de tous poils

Russie/Ukraine/Biélorussie

Solidarité(s)

Squats

Suisse

Turquie

Revenir à Cette Semaine

Rome : action au centre commercial et appel contre les centres de rétention
(Le 25 septembre 2009)

Rome : "il y a un camp dans ta ville", visite au centre commercial

Samedi 19 septembre, un groupe de compagnons a interrompu le commerce tranquille du centre commercial de Parco Leonardo. Des tracts ont été distribués, des banderoles accrochées, au milieu de la stupeur et de l’intérêt (parfois) de la foule ; généralement habituée à travailler pour dépenser et acheter.

Cette action démonstrative a été réalisée pour mettre au jour ce qui arrive à deux pas du centre commercial, dans le lager d’Etat de Ponte Galeria (centre de rétention, CIE), et d’inviter à s’informer et à réfléchir sur la brutalité imposée quotidiennement par le système démocratique.

(...) L’action d’aujourd’hui au centre commercial a été réalisée par rapport à la reprise le 21 septembre du procès contre les 14 révoltés du cnetre de rétention, via Corelli, à Milan. Cinq femmes, toutes nigérianes, et neuf hommes de différentes nationalités ont été incarcérés pour "résistance", "incendie volontaire" et d’autres chefs d’accusation "moins lourds", après s’être rebellés contre la prolongation de deux mois d’enfermement supplémentaires dans le centre, conséquence de l’application du nouveau "paquet [de lois] sécurité" entré en vigueur début août.

Pour exprimer notre solidarité active avec les incarcérés du centre de rétention via Corelli à Milan et avec tous les révoltés contre un système d’exploitation et de répression, nous lançons une semaine de mobilisation contre les centres de rétention du 20 au 27 septembre.

***********

Cie - Da Roma azione e appello per mobilitazione nazionale

Oggi, sabato 19 settembre, un gruppo di compagni e compagne ha interrotto la quieta compravendita al centro commerciale Parco Leonardo. Sono stati distribuiti volantini, appesi striscioni e comunicato tra lo stupore e l’interesse di tante persone in genere abituate a lavorare per spendere e comprare.
L’azione dimostrativa è stata realizzata per portare alla luce ciò che accade a due passi dal centro commerciale, nel lager di stato di Ponte Galeria (C.I.E. Centro di Identificazione ed Espulsione), ed invitare ad informarsi e riflettere sulle brutalità che il sistema democratico impone quotidianamente.

I CIE (ex CPT) sono stati introdotti nel 1998 dal centro sinistra con la legge Turco-Napolitano, poi di volta in volta peggiorati dai governi di centro destra con la legge Bossi-Fini.
L’attuale pacchetto sicurezza, avallato dallo stesso Napolitano dopo 11 anni, inasprisce ulteriormente le misure contro i migranti introducendo il reato di clandestinità, portando il termine di detenzione dentro i CIE da 2 a 6 mesi, complicando le procedure per ottenere il permesso di soggiorno ed impedendo qualsiasi operazione amministrativa se privi di documenti. Queste sono solo alcune delle misure introdotte con il nuovo pacchetto sicurezza ma ciò che accade dentro questi lager è molto più brutale, tanto che sono ormai in molti i migranti che dopo essere scappati dalla miseria o dalla tortura nei loro paesi chiedono di essere rimpatriati piuttosto che rimanere dentro i CIE.

Nei CIE non c’è solo cibo scadente o avariato, carenza di acqua, pessime condizioni igieniche, assenza di cure mediche. I migranti sono continuamente umiliati e pestati dalla polizia armata di scudi e manganelli : sono tantissimi ormai i casi di autolesionismo, l’unico modo per non essere toccati dalla polizia e forse riuscire a farsi sentire.
Minacce e torture sono compiute anche dal personale degli enti gestori, quali la Croce Rossa, con la complicità o la copertura della polizia. Tanti sono i casi di violenze con sfondo sessuale del personale della Croce Rossa nei confronti delle donne recluse. Palpeggiamenti, masturbazioni davanti le celle, vane promesse di libertà in cambio di rapporti di sesso sono casi che stanno venendo fuori.

Nei CIE si muore, come recentemente successo proprio nel CIE di Ponte Galeria dove Salah Souidani è morto in circostanze mai chiarite nell’indifferenza degli operatori della Croce Rossa e Nabruka Mimuni si è impiccata nel giorno in cui doveva essere rimpatriata. Ma tante altre sono le morti di cui non si sa niente, invisibili perchè le persone che muoiono durante il viaggio verso l’italia o dopo i respingimenti nei centri di detenzione in libia non hanno documenti. La brutalità che si compie nei CIE riguarda tutti noi. A nostro parere la lotta contro i CIE non è una sorta di caritatevole umanità o una semplice espressione di solidarietà nei confronti di chi è più debole : è un percorso contro questo modello di società, basato su sfruttamento, controllo, repressione ; è cercare di scardinare i meccanismi del capitalismo che inesorabilmente crea inclusi ed esclusi e le conseguenti migrazioni ; è criticare il concetto di patria, di confine e tutte le forme nazionalistiche che artificiosamente e ad unico vantaggio del dominio alimentano odio e razzismo ; è rompere il clima di paura ed insicurezza che il dominio crea attraverso i mezzi di informazione per mantenere un costante stato di emergenza ; è dare sostegno a chi si ribella a forme di dominio ; è sostenere forme di auto-organizzazione ; è lottare contro lo stato e le forze di polizia che assicurano con la violenza istituzionale il benessere dei padroni...

Lottare contro i CIE è lottare per una società differente, priva di tutti quei meccanismi autoritari e gerarchici che, ad ogni livello, creano un debole ed un forte, uno sfruttato ed uno sfruttatore.
L’azione di oggi al centro commerciale è stata realizzata in relazione alla ripresa il prossimo 21 settembre del processo per i 14 rivoltosi del CIE di via Corelli a Milano. Cinque donne, tutte nigeriane, e nove uomini di varia nazionalità sono stati arrestati per resistenza, incendio doloso e per altri capi d’imputazione dopo essersi ribellati alla proroga di altri due mesi di detenzione nel CIE a seguito dell’applicazione del nuovo “pacchetto sicurezza” entrato in vigore i primi di agosto.

Per esprimere la nostra solidarietà attiva agli arrestati del CIE di via Corelli a Milano e a tutti i rivoltosi contro un sistema di sfruttamento e repressione lanciamo una settimana di mobilitazione contro i CIE dal 20 al 27 settembre.

Pensiamo che il modo migliore per comunicare alla società cosa è e a chi serve realmente un CIE sia di muoversi in maniera diffusa individualmente o a gruppi ognuno con i propri mezzi e le proprie modalità, ma con l’unico obiettivo di chiudere questi lager.

INVITIAMO PERTANTO TUTTI I COMPAGNI E TUTTE LE COMPAGNE A MOBILITARSI !

A fine campagna un presidio/pic-nic comunicativo, cercherà di rompere il silenzio imposto dalle mura con corrispondenze dirette con chi subisce quotidianamente dentro i CIE la violenza del capitalismo. L’appuntamento finale è previsto dalle 15 fino al tramonto per domenica 27 settembre a Villa De Santis, in via Casilina (Tor pignattara)

A scelta di chiunque abbia voglia di muoversi, per riempire la città di uno slogan che possa attirare attenzione, abbiamo pensato di lasciare una “firma” che rimandi le varie azioni alla campagna di mobilitazione e che accompagni anche le successive iniziative contro i CIE. Manifesti, adesivi, scritte e così via potrebbero riportare la “firma” : NELLA TUA CITTA’ C’E’ UN LAGER, CHIUDIAMO IL CIE DI PONTE GALERIA !!

No-cie-roma mailing list No-cie-roma@inventati.org https://www.autistici.org/mailman/listinfo/no-cie-roma

Informa-azione.info,Mar, 22/09/2009 - 12:31

Suivant
Imprimer l'article

Rome, 19 septembre 2009